Salento

salentoIl Salento, anche chiamato penisola salentina perchè interamente circondata dal mare, è la punta estrema della regione, una vera e propria lingua di terra incuneata fra l'Adriatico e lo Ionio. La conformazione di questo territorio è prevalentemente pianeggiante, soprattutto nelle aree localizzate tra Lecce e Brindisi; scendendo verso l'estremo meridionale, si trovano i rilievi appena accennati delle colline conosciute come “serre salentine”.
È un territorio molto assolato, il cui clima mediterraneo si caratterizza per le estati lunghe e calde e le costanti brezze marine che, spirando costantemente sui vigneti, contribuiscono alla salubrità delle uve con la loro naturale azione antiparassitaria. Il suolo è di natura prevalentemente argillosa, ma sono presenti anche terreni di composizione fini e calcaree, dagli spessori limitati e dal buon drenaggio, e terreni rossi e ciottolosi, ricchi di minerali, così che l'intera area offre un habitat ideale a diverse varietà di uva, conferendo delicate sfumature di carattere ai vini.


salentoLa vocazione vitivinicola principale è per le uve a bacca rossa. Infatti, il Salento è il regno incontrastato del Negroamaro, una varietà autoctona che si presenta con polpa ricca, grappolo compatto, e nel calice si esprime con sentori veraci di macchia mediterranea e di radice di liquirizia. La pianta predilige le potature corte, ed è adatta ad essere allevato sia col metodo tradizionale ad alberello che a spalliera a filare basso.
Nelle vigne salentine sono molto diffuse anche la Malvasia nera, tradizionalmente vinificata in blend con il Negroamaro e presente in tutte le dop del territorio, e il Primitivo, che anche in quest'area si esprime riccamente. Merita una nota a parte il Susumaniello, vitigno a bacca nera di origini dalmate, negli ultimi anni protagonista di un percorso di riscoperta e valorizzazione, vinificato con ottimi risultati anche in purezza. Non mancano anche i vitigni a bacca bianca, come la Malvasia bianca e, in misura minore, la Verdeca e il Fiano. Sono presenti ben undici Dop: Alezio, Brindisi, Copertino, Galatina, Leverano, Matino, Nardò, Negroamaro di terra d'Otranto, Salice Salentino, Squinzano, Terra d'Otranto, e sull'intera area insiste la denominazione Salento Igp.

salentoIl paesaggio è scandito dalle distese di vigneti e oliveti, mentre in alcune zone più interne sono sopravvissuti dei lembi di boschi autoctoni di leccio (che hanno dato il nome al capoluogo salentino, Lecce), eucalipti e querce centenarie, vestigia di un passato in cui il territorio presentava una vegetazione molto rigogliosa. Estesa e aromatica è la macchia mediterranea, tanto sulle dune sabbiose del versante ionico, tanto sulle rocce della costa adriatica.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy - We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information