Bassa Murgia e Valle d'Itria

valle itriaSiamo a sud di Bari, nell'area che lambisce le provincie di Brindisi e Lecce. All'interno di questo territorio, che pure presenta un profilo pedoclimatico tendenzialmente uniforme, si individuano due aree, che storicamente si caratterizzano per pratiche vitivinicole molto differenti: la Bassa Murgia e la Valle d'Itria. La prima, estrema propaggine meridionale dell'altopiano delle Murge, è patria di uve a bacca rossa; la seconda, che a dispetto del nome non è una vera e propria valle, ma una depressione carsica, da sempre è vocata all'allevamento di varietà a bacca bianca. Il clima qui è caratterizzato da inverni rigidi ed estati generalmente lunghe, calde ma miti e sempre ventilate, con interessanti escursioni termiche notturne.
Dal punto di vista pedologico il territorio presenta fenomeni carsici e suolo di natura calcarea e argilloso-calcarea, con le classiche terre rosse derivate dalla dissoluzione delle rocce. L’altitudine delle aree coltivate a vite è compresa tra i 350 e i 420 s.l.m.; le pendenze sono lievi e le esposizioni prevalenti sono orientate a sud-est. La vitivinicoltura della Valle d'Itria è in particolare controtendenza rispetto alla prevalente vocazione regionale per i rossi; nei suoi vigneti, infatti, per la maggior parte fazzoletti di terra amorevolmente curati palmo a palmo, la consuetudine millenaria vuole che siano impiantate uve a bacca bianca, che sviluppano aromi fini e buona acidità.

Da sempre sono due le varietà principali che vi si coltivano, la Verdeca e il Bianco d'Alessano che, in varia proporzione, sono alla base delle due dop principali del territorio, le Dop Martina Franca e Locorotondo. Anche la Dop Ostuni, che insiste sulla stessa area, prevede l'utilizzo di uve a bacca bianca di varietà autoctone meno note, l'Impigno e il Francavidda, mentre per i rossi lo stesso disciplinare prevede l'impiego preponderante di uve Ottavianello. Nella Bassa Murgia, appartenente all'area compresa nella denominazione Murgia Igp, si torna invece alla classica vocazione pugliese per i rossi con il vitigno Primitivo, “padre” del Primitivo di Manduria e cardine della dop Gioia del Colle. Seppur in minor quantità, il Primitivo è presente anche nei vigneti della Valle d'Itria.
Tra le rarità enologiche dell'intera zona spicca anche il Minutolo, vitigno aromatico oggetto negli ultimi anni di diversi studi e selezioni che hanno permesso di associarlo definitivamente alla famiglia dei moscati bianchi. Le lunghe file di muretti a secco che modellano le geometrie della placida campagna, l'abbacinante bianco del latte di calce degli inconfondibili trulli che la puntellano, con i loro tetti a cono e il fascino millenario che è valso loro il riconoscimento come patrimonio UNESCO; i colori accesi della campagna, il mare all'orizzonte: siamo in un territorio dal fascino senza tempo.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy - We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information